lunedì 1 marzo 2010

0
L’idea di organizzare un TRAIL nel nostro territorio è scaturita dall’incontro tra due grandi passioni che accomunano le persone coinvolte in questo evento: la corsa e le nostre terre.
Le colline e le valli a sud del lago di Varese offrono scenari incantevoli che si vorrebbe fossero maggiormente tutelati e preservati.
Il tema della sostenibilità ci riguarda quotidianamente, se ne sente parlare, ma concretamente che cos’è? Risparmiare energia? Costruire con materiali ecosostenibili? Riciclare? Ridurre gli sprechi?
E poi?...
Che cosa facciamo per continuare ad avere il privilegio di vedere, e godere di questi luoghi?
Il percorso di gara unisce simbolicamente le zone più suggestive che caratterizzano il territorio compreso all’interno dei Comuni di: Azzate, Daverio, Crosio della Valle,Mornago.
Svolgono la funzione di anello di congiunzione tra le aree protette del lago di Varese a Nord e il limite superiore del Parco del Ticino a Sud.
Queste terre hanno avuto un ruolo apparentemente secondario nella storia economica dell’ ambito geografico Varesino, ma con il passare del tempo, l’erosione del territorio agricolo in favore dell’urbanizzato insieme alle mutate esigenze della società contemporanea, hanno ora un ruolo centrale.
La scelta di identificare l’ambito all’interno del quale si svolgerà la gara con il nome: “ Le Terre di Mezzo” è suggerito dalla caratteristica di questi luoghi di essere centrali rispetto ad aree naturali importanti e dal fatto che allegoricamente sembrerebbe che siano da considerare “ come delle cose..di mezzo..” da chi fino ad oggi non ha intrapreso delle politiche di tutela attente a preservare i valori storici, ambientali e paesaggistici.
Scegliere il Trail come tipologia di gara significa individuare all’interno del mondo della corsa lo spirito che maggiormente si sposa con i principi e i valori che animano chi ha avuto l’idea di promuovere e organizzare questa competizione. Si correrà in un territorio che sembra conosciuto, ma che nasconde scenari davvero suggestivi e che meriterebbe maggiore attenzione da parte di tutti.
Lo “spirito trail” di alcuni appassionati runners si sta sprigionando e vorrebbe contaminare e smuovere le coscienze di altre persone che condividano l’obiettivo di superare i confini precostituiti, in favore della promozione di idee rivolte alla tutela e valorizzazione delle nostre terre.

Nessun commento:

Posta un commento